La chiesa Centro Agape è guidata da un gruppo di guide chiamati, usando la terminologia biblica, anziani.
Gli anziani collaborano nella cura e nella gestione della chiesa.


PASTORE 

FRANCO ARENA, sposato con INA  e padre di  4 figlie

email: franco.arena@centroagape.it

“Non sono i sani che hanno bisogno del medico, bensì i malati.” Luca 5:31
In questo versetto è racchiusa la condizione di quando abbiamo conosciuto il Signore. Si usa dire correva l’anno per ricordare un evento che ha inciso significativamente nella storia e/o nella vita di qualcuno. Per me e Ina, mia moglie, è stato così.

Nel 1988 eravamo al culmine di una situazione di salute che riguardava lei, molto difficile, infatti, soffriva di frequenti crisi vertiginose che oltre a limitarla nelle sue normali attività quotidiane, spesso le provocavano svenimenti, svenendo anche sette volte in un giorno. Dal punto di vista medico tutto era attribuito a un problema di equilibrio, dato che Ina non sente quasi completamente da un orecchio e questo provoca appunto la perdita dell’equilibrio.

A questo si aggiungeva la paura che la controllava anche durante la notte. Eravamo stanchi, sia per la durata di questi disturbi, parliamo di anni, ma anche perché non vedevamo una soluzione, i medici non la davano e i farmaci erano solo un sollievo temporaneo.

Fu allora che abbiamo conosciuto una coppia di missionari americani, i quali cominciarono a prendersi cura di mia moglie con le preghiere e la cura pastorale. In tutto questo io stavo a guardare per non farmi “coinvolgere” in questa situazione “spirituale”. Però notavo un progressivo miglioramento, i disturbi si allontanavano e il suo stato emotivo e fisico migliorava.

Nel frattempo la parola di Dio penetrava anche in me, così ci sbarazzammo di tutti gli aiuti che ci erano stati dati gratuitamente e non (amuleti- polveri miracolose-riti liberatori- crocefissi benedetti) perché avevamo capito, alla luce della Scrittura, che si trattava di occultismo che Dio condanna severamente. Accettando Gesù come personale Salvatore e Signore Ina fu liberata da paura, angosce e incubi, a oggi non soffre più di vertigini. Anche in me Dio stava operando, facendomi comprendere la condizione di peccato nella quale ogni essere umano si trova, e io ero fra quelli. La Sua Grazia mi ha aperto gli occhi ed io il mio cuore a Lui, infatti, pochi mesi dopo anch’io ho accettato Gesù come mio personale Salvatore e Signore.

Così un altro versetto diventò importante per me.
“Io non sono venuto a chiamare dei giusti, ma dei peccatori a ravvedimento” Luca 5:32
A oggi sono più di trenta anni che serviamo Dio con i doni che Lui ci ha dato e lo vogliamo servire ancora per il resto degli anni che ci ha riservato. E’ il solo modo per ringraziarlo per tutto quello che Lui ha fatto per noi, Dio vi benedica!


ANZIANO

SILVANO BORGOMASTRO sposato con Perside e padre di 3 figlie. 
Breve testimonianza
Hobby
Messaggio/verso biblico


ANZIANO

FRANCESCO PICONE sposato con Martha e padre di 3 figli
Breve testimonianza
Hobby
Messaggio/verso biblico


DIACONO

GIOVANNI QUARTARARO sposato con Angela e padre di 1 figlia.

email: giovanni.quartararo@centroagape.it

Sono Giovanni Quartararo ho sessantatré anni e da quarantasei ho accettato Dio come mio Signore e Salvatore. Per me l’esistenza di Dio non era un problema perché credevo alla sua esistenza, infatti, frequentavo fin da ragazzo i gruppi giovanili della chiesa cattolica (ho persino fatto il chierichetto).

Quando parlavamo fra noi giovani e, qualcuno accusava Dio di qualcosa io prendevo sempre le difese, pensavo di essere un buon cristiano con dei sani principi. Si credevo in Dio ma la mia vita la gestivo io.

Poi un giorno un amico evangelico fece un viaggio con il responsabile della chiesa che lui frequentava, e al suo ritorno cambiarono alcune cose. Per esempio se pensavamo di andare al cinema quest’amico non veniva perché doveva esercitarsi a suonare i cantici per la domenica, se la mattina volevamo andare al mare sempre di domenica, lui diceva che doveva andare in chiesa.

La cosa mi colpì e chiesi il perché di questo cambiamento, perché fino a quel momento avevamo fatto insieme le stesse cose. Lui rispose che aveva frequentato una conferenza dove era stato presentato un opuscolo che spiegava la necessità di accettare personalmente Dio nel suo cuore e di riconoscerlo come Signore e Salvatore, di accettare il sacrificio di Gesù sulla croce per la remissione di tutti i suoi peccati e di nascere in novità di vita.

Così decisi di frequentare la stessa chiesa per conoscere di più. Dopo un po’ di tempo leggendo lo stesso opuscolo decisi anch’io di mettere la mia vita ai piedi della croce e di iniziare questa nuova avventura con Dio. L’amico poi è diventato mio cognato perché ho sposato sua sorella Angela. Insieme a mia moglie siamo diventati responsabili del gruppo giovanile, e poi diacono della chiesa. In tutti questi anni il Signore è rimasto fedele in tutte le cose che ha promesso. Io ero stato il primo della mia famiglia e così come la sua parola dice credi nel Signor Gesù e sarai salvato tu e la tua famiglia, il Signore ha permesso che i miei genitori, mia sorella, i nonni e alcune delle zie si sono convertite e infine anche la nostra unica figlia Noemi ha accettato il Signore.


Vi sono inoltre dei responsabili per specifiche attività della chiesa ,  che vengono eletti periodicamente dall’assemblea dei membri ed operano sotto la supervisione degli anziani. Ogni membro viene incoraggiato a mettere a disposizione della chiesa i  doni e talenti che Dio gli ha dato.1 Lettera di Pietro 4: 10″ Come buoni amministratori della svariata grazia di Dio, ciascuno, secondo il dono che ha ricevuto, lo metta a servizio degli altri.”

Collaborazioni

La chiesa “Centro Agape” è membro del C.E.M.I e partecipa attivamente all’organizzazione della conferenza annuale delle chiese mennonite italiane (nel mese di novembre).
Siamo membri dell’UCBC (Unione Chiese Bibliche Cristiane sito) e collaboriamo con varie chiese evangeliche e organizzazioni cristiane che operano in Sicilia, in Italia e nel mondo.